Delvaux e il surrealismo

del.jpgCresce l’attesa per l’inaugurazione della mostra “Delvaux e il surrealismo” in programma sabato 23 febbraio alla fondazione Magnagni Rocca di Parma. L’esposizione, che si protrarrà fino al 30 giugno, offrirà ai visitatori la possibilità di vedere dal vivo alcuni dei maggiori capolavori di questo pittore belga che, per sua stessa dichiarazione, trasse ispirazione dai grandi maestri Magritte e De Chirico. Protagonista di primo piano della stagione del surrealismo, Delvaux suscitò nei contemporanei scandalo e sconcerto tali da renderlo sovente oggetto di censura. Le sue opere, definite come perturbanti, mescolano spunti onirici, atmosfere fantastiche e richiami all’inconscio. La mostra, a cura di Stefano Roffi e in collaborazione con il Musèe d’Ixelles-Bruxelles, sarà accompagnata da un ricco catalogo con interventi a cura di Carlo Arturo Quintavalle, Stefano Roffi, Laura Neve, Mauro Carrera, Elisa Barili, Pierre Ghène.

Delvaux e il surrealismoultima modifica: 2013-02-22T08:00:00+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in arte e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento